Home / Italia / Vittorio Feltri su Elisabetta Trenta: "La sua giustizia assurda e il mio desiderio"

Vittorio Feltri su Elisabetta Trenta: "La sua giustizia assurda e il mio desiderio"



[ad_1]

Ecco l'editor di oggi di Vittorio Feltri sul tema che ha spazzato Elisabetta Trenta. L'ex ministro della Difesa è stato oggetto di un vero scandalo per la Camera di Stato che, quando il governo era pronto, avrebbe dovuto lasciare. Inizialmente il barbecue ha deciso di non mollare e poi cambiare.

Ex ministro della difesa, Elisabetta Trenta occupava un appartamento a basso costo fornito da un ente pubblico, e questa non è una novità. Molti anni fa, quando ero il direttore del Giornale organizzai un'indagine che causò una sensazione, chiamata affittopoli. Documentò esaurientemente un fenomeno molto spiacevole: molti signori, parlamentari e sindacati della nomenclatura avevano preso possesso di case appartenenti all'INPS e ad altre istituzioni nazionali, statali e parastatali, dove vivevano per un certo periodo e pagavano due affitti. Scoppiò uno scandalo gigantesco e molte raccomandazioni speciali furono costrette ad abbandonare le dimore a un prezzo. Seguirono controversie e prove senza fine, almeno un calderone fu rivelato dove accadde in tutti i colori.

Per ulteriori informazioni, leggi anche: Casa, Toninelli risponde a Sallusti

Dopo diversi anni, confermiamo che il vizio di demolire varie raccomandazioni di alloggi liberi, o quasi, non è stato affatto sradicato. La signora Trenta, che parla con rispetto, è una donna privilegiata che si è stabilita in una bella zona grazie alla sua posizione ministeriale e ha pagato quattro dollari che tutti vorrebbero. Ho scoperto la cosa, le stesse parti del suo partito, il movimento a 5 stelle, lo hanno esortato a liberare l'edificio per un problema decente. Ma si è assicurata di non alzare le tende, con questa assurda ragione: devo avere una casa adatta per il mio status, poiché la mia vita è piena di relazioni che mi richiedono di ricevere persone spesso. Hai capito l'antifone? La signora è mondana, quindi dobbiamo renderli disponibili, a nostre spese, una casa adatta per soddisfare le sue esigenze di donna importante. Cara signora, non ti manderei a scopare nello stile di Grillo, ma se vai, mi toglierà un peso dallo stomaco. Per me e posso immaginare alcuni lettori.

di Vittorio Feltri

&version=v2.5"; fjs.parentNode.insertBefore (js, fjs); } (documento, & # 39; script & # 39;, & # 39; facebook-jssdk & # 39;));

document.write (& # 39; [19659009] & # 39;); } [ad_2]
Source link