Home / Salute / Suonare il pianoforte durante un intervento chirurgico al tumore al cervello

Suonare il pianoforte durante un intervento chirurgico al tumore al cervello



All'Ospedale Bufalini di Cesena, un musicista è stato operato con un tumore al cervello mentre era sveglio, mentre eseguiva alcune melodie musicali al pianoforte. Questa è un'operazione che è stata eseguita in questi giorni utilizzando la tecnica "Awake Surgery" che consiste nel far funzionare il paziente in uno stato di veglia con un duplice scopo: rimuovere la massa tumorale e, nel caso specifico, proteggere le abilità musicali. . Un'attenzione dell'ospedale spiega un intervento chirurgico sveglio, un metodo iniziato alcuni anni fa nella neurochirurgia di Bufalini, dopo un periodo di specializzazione dei neurochirurghi di Cesena in vari centri tra cui il Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Montpellier sotto la direzione del Professor Hughes Duffau (luminare in questa area di studio). Consente al paziente di rimanere vigile e in grado di rispondere a una serie di test predeterminati stabiliti dal neuropsicologo per localizzare e rimuovere la massa tumorale nel modo più completo e accurato possibile senza danneggiare le aree cerebrali che regolano il linguaggio, il movimento e altri cognitivi superiori funzioni. Tutto ciò per garantire la qualità della vita del paziente.
Concretamente, tre diverse abilità di comprensione musicale sono state mappate e monitorate durante l'operazione: il riconoscimento dei toni melodici, il ritmo e il contorno musicale. L'intervento, che è durato per circa cinque ore, è stato eseguito dal team multidisciplinare di neurochirurghi Dr. Luigino Tosatto, Dr. Vincenzo Antonelli, Dr. Giuseppe Maimone; dal neurofisiologo Dr. Chiara Minardi; dai neuroanestesisti, dott. Marco Bocchino e il Dr. Giuseppina Pugliese; dai neuropsicologi, la professoressa Caterina Bertini e la dott.ssa Davide Braghittoni presso l'Università di Bologna, Dipartimento di Psicologia di Cesena e da personale sanitario coordinato da Milena Maccherozzi.

© Tutti i diritti riservati


Source link