Home / Economia / Risparmio energetico, l'isola di Bruxelles – Sardegna

Risparmio energetico, l'isola di Bruxelles – Sardegna



Piras conferma che puntiamo a -50% di emissioni prima del 2030

Sardegna a Bruxelles per illustrare i loro buoni metodi di risparmio energetico: reti intelligenti, mobilità elettrica, edifici intelligenti, l'impianto di concentrazione solare di Ottana già concesso dal Union. "Si tratta di un ampio programma d'azione in cui la regione investe risorse importanti, un passo avanti in un mondo in cui l'energia è sempre più legata a Internet, all'economia della condivisione e alla divisione della politica", ha spiegato al Consiglio d'Industria Maria Grazia Piras durante Eusew 2018, tredicesima edizione della capacità europea di energia sostenibile.

Dichiarazione, l'esponente del Consiglio di Pigliaru ha affermato che "il nostro punto di riferimento è il piano energetico regionale regionale che abbiamo anticipato alcune misure nella strategia energetica nazionale per la ricostruzione di edifici pubblici incentrati sull'efficienza e l'autoconsumo. emissioni in relazione al consumo entro il 2030 ".

La regione si confronta con l'Europa su Enerself Energy Enhancement, un progetto con una durata complessiva di 48 mesi nel quadriennio 201

7-2020, che coinvolge la regione Lazio e altre cinque regioni in Spagna, Svezia, Polonia, Malta e Romania e 175 parti interessate. Con Enerself, vengono identificate 110 buone pratiche raccolte in una guida in cui saranno selezionate almeno 10 azioni regionali.

RIPRODUZIONE PRIVATA © Copyright ANSA

<! –

->




Source link