Home / Salute / Rischio di impurità che causa il cancro, Aifa ritira i farmaci con ranitidina | Molti sono prodotti per problemi di stomaco

Rischio di impurità che causa il cancro, Aifa ritira i farmaci con ranitidina | Molti sono prodotti per problemi di stomaco







Una decisione precauzionale per ridurre al minimo i rischi per i pazienti

L'Agenzia italiana per i medicinali (Aifa) ha ordinato il ritiro dalle farmacie e la catena di distribuzione per tutte le dosi di farmaci con il principio attivo ranitidina usato per trattare problemi di stomaco come l'acidità. I prodotti dell'officina SARACA LABORATORIES LTD in India sono accusati della presenza di una potenziale impurità cancerogena. Questa è la contaminazione da N-nitrosodimetilammina (NDMA) della classe nitrosamina, che era già nel 201

8 in alcuni antiipertensivi (Sartan). L'AIFA sta collaborando con altre autorità per valutare il grado di contaminazione

La decisione è stata presa sulla base del principio di precauzione per ridurre al minimo i rischi per il paziente e limitare l'esposizione alla sostanza potenzialmente dannosa. A titolo precauzionale, AIFA ha anche vietato l'uso di tutti i lotti venduti in Italia da farmaci contenenti ranitidina prodotti da società farmaceutiche diverse da SARACA LABORATORIES LTD, in attesa della loro analisi.

Anche i movimenti dell'UE – Misure simili sono state adottate o sono state adottate in altri paesi dell'UE e in diversi paesi extraeuropei. La ranitidina è un inibitore della secrezione acida utilizzata nel trattamento di ferite, reflusso gastroesofageo, bruciore di stomaco e altre condizioni associate all'ipersecrezione acida e commercializzata in Italia sia come farmaci da prescrizione sia come automedicazione in compresse, sciroppi o soluzioni iniettabili per uso endovenoso

L'NDMA è classificato come probabile cancerogeno per l'uomo dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sulla base di studi sugli animali. Si trova in alcuni alimenti e nell'approvvigionamento idrico, ma non dovrebbe causare danni se consumato in quantità molto basse.

"Non interrompere il trattamento, chiama il medico" – Aifa consiglia ai cittadini, se trattati con un farmaco ranitidina prescritto dal proprio medico, di non interrompere il trattamento, senza consultare il proprio medico il prima possibile. trattamento alternativo (un altro farmaco diverso dalla ranitidina specificato nel trattamento delle condizioni in cui lo stomaco produce quantità eccessive di acido.

Questi farmaci sono stati ritirati – Esistono 195 lotti di farmaci contenenti il ​​principio attivo ranitidina In particolare, questi sono molti di questi farmaci:
– RANITIDINE HEX (150 MG E 300 MG)
– RANITIDINE RATIOPHARM (150 MG E 300 MG)
– RANITIDINE MYLAN GENETICS 150 MG E 300 MG)
– RANIDIL SCIROPPO
– ZANTAC COMPRESSE (150 MG E 300 MG)
– ZANTAC FIALE 5 ML
– ZANTAC EFFERVESCENT TABLETS (150 MG)
– RANITIDINA AUROBINDO ITALIA (150 E 300 MG.

Associazioni di guerra ai piedi della guerra – Nel frattempo, la Consumer Association di Codacon annuncia che è pronto a "scendere in campo per proteggere i pazienti italiani che ricevono farmaci contenenti l'ingrediente attivo ranitidina ora ritirato dal mercato". L'associazione invita anche il Ministero della Salute a "scoprire se ci sono stati ritardi o guasti nei sistemi di sicurezza dei farmaci prima di raggiungere i regolamenti adottati oggi dall'AIFA". init ({appId: & # 39; 1532776643650316 & # 39 ;, xfbml: false, versione: & # 39; v2.2 & # 39;});};
for (function (d, s, id) {var js, fjs = d.getElementsByTagName (s) [0]; if (d.getElementById (id)) {return;} js = d.createElement (s); js.id = id; js.src = "http://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore (js, FJS);} {document, & # 39; script & # 39;, & # 39; facebook-jssdk & # 39;));

Source link