Home / Italia / “Ridurremo gli studenti per grado”

“Ridurremo gli studenti per grado”



La scuola, Azzolina, firma l'ordinanza sull'aumento organico: altre 50 mila unità

Oltre 50.000 posti in più nel mezzo insegnante e Ata, con una priorità per scuola infanzia e primaria. Questo è ciò che dà l’ordine firmato dal Ministro della Pubblica Istruzione, Lucia Azzolina, che questa mattina si sono incontrati con i rappresentanti della regione sulla ripresa a settembre e in particolare sul tema del personale aggiuntivo da assegnare alle scuole. Anche il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ha partecipato alla riunione Paola De Micheli, per aspetti relativi al trasporto scolastico.

Coronavirus, 900 insegnanti mancano dalla scuola, ma solo la metà arriverà entro settembre. Il piano
Scuola, riunione del comitato tecnico alla fine di agosto. Spero: «La priorità apre tutto»
Scuola, un medico per ogni istituto e una maschera solo all’ingresso: poi arriva il ritorno

Azzolina: eccezione al numero di studenti

«Grazie a questo aumento del personale, possiamo finalmente iniziare a superare queste regole, nate nell’era dei duri tagli nelle scuole, che hanno portato alla congestione delle classi. In effetti, con il decreto di rilancio, abbiamo permesso di derogare al numero di studenti per classe al fine di ridurlo gradualmente. Un percorso che dobbiamo quindi proseguire oltre l’emergenza. “Lo ha affermato il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, che oggi ha firmato un regolamento che stabilisce i criteri per l’assegnazione delle risorse al personale aggiuntivo previsto dal regolamento sul riavvio.

“Oggi”, ha spiegato Azzolina, “dopo aver completato tutti i passaggi istituzionali e con le forze sociali, ho firmato il regolamento che stabilisce i criteri per l’assegnazione delle risorse per il personale aggiuntivo richiesto dal regolamento di riavvio. Più di 977 milioni saranno assegnati al 50% in base al numero di alunni presenti nell’area e al 50% sulla base delle richieste degli uffici scolastici regionali che hanno identificato i bisogni delle scuole. Ringrazio i nostri manager che hanno svolto un lavoro costante e puntuale. Diamo un budget a ciascun ufficio scolastico che poi lo traduce in personale. Le scuole avranno più di 50.000 unità di personale per il recupero tra insegnanti e ATA. La massima priorità sarà data all’asilo e al primo ciclo di istruzione, con particolare riferimento alla scuola dell’obbligo “.
Ultimo aggiornamento: 15:50


© RIPRODUZIONE RISERVATA




Source link