Home / Italia / Questo è quando torniamo al voto

Questo è quando torniamo al voto



Tra le scadenze da rispettare, le comodità personali da considerare e le misure da superare, è quasi impossibile tornare al sondaggio prima 2022. La strada tortuosa che porta alle urne è in realtà piena di ostacoli e burocrazia. Sebbene Matteo Salvini abbia già iniziato a riscaldare i suoi motori in vista di un ipotetico sprint decisivo per mandare a casa il governo giallorosso, il segretario della lega deve armarsi di grande pazienza. All’orizzonte, in realtà non c’è traccia del tanto parlato scelte politiche.

Referendum e legge elettorale

Come laHuffington Postinfatti, il Paese sta per attraversare un tunnel con “democrazia interrotta“ed è quasi impossibile tornare al voto prima del 2022. Spiegheremo immediatamente perché referendum costituzionale, il taglio dei parlamentari che avrebbe avuto luogo il 29 marzo ma che, a causa della pandemia di Covid, è stato rinviato al 21

settembre in collaborazione con i Regionali.

Da quella data, non sapremo se ci saranno 930 candidati in Parlamento o, se la riduzione prevista dalla riforma dovrebbe essere convalidata, 600, con ogni probabilità il Presidente della Repubblica terrà il referendum prima di tenere nuove e ipotetiche elezioni. E questo, tuttavia Giuseppe Conte dovrebbe inciampare o cadere in anticipo. In tal caso, l’obiettivo non sarà in realtà quello di delegittimare una nuova elezione parlamentare.

Una volta che il referendum è stato presentato, sarà necessario pensarne uno elettorale basato sulle nuove figure. Pertanto, ci sarà una delegazione speciale e il governo avrà due mesi. Intanto le settimane si sono susseguite e arriveremo fino a novembre. A quel punto, con il Natale alle porte, difficilmente ci potrebbe essere spazio per nuove scelte.

Il semestre bianco

No, non si tratta delle vacanze. Per comprendere la ragione di tale affermazione, è necessario tenere presente che la maggior parte delle donne tornerebbe alle loro vite precedenti in caso di elezioni anticipate. Ecco perché la loro nuova password è in grado di sopportare tutti i costi. L’obiettivo è quello di non danneggiare il cosiddettotermine bianco“, il periodo durante il quale il presidente della Repubblica non può sciogliere le case.

La Costituzione prevede che il suddetto Presidente della Repubblica non possa sciogliere le camere nei sei mesi precedenti la fine del suo mandato di sette anni. Calendario in mano, inizia il semestre bianco 2 luglio 2021 e andrà dritto Gennaio 2022.

Ultimo ma non meno importante, è un ultimo aspetto da sottolineare. Nella storia dell’Italia, gli elettori non hanno mai votato durante il mandato bianco e, per votare prima di questo periodo, Mattarella dovrebbe sciogliere le camere a Pasqua. Questa è un’ipotesi molto remota.


Source link