Home / Italia / M5S e nuovo governo, i due fronti aperti. E dai un'occhiata all'idea "senza Salvini"

M5S e nuovo governo, i due fronti aperti. E dai un'occhiata all'idea "senza Salvini"



"Se riesci ancora a saltare tutto? Il tessuto tra Pd e M5S dovrebbe essere improvvisamente rimosso? Se Conte potesse ancora essere un governo sostenuto dall'M5S e dalla lega? È tutto possibile. Per Di Maio è sufficiente fare un passo indietro e fare affidamento sul peso che ha ancora in parlamento, di recente il Senato ha solo bisogno di una manciata di senatori per far saltare in aria la banca. E se riuscisse a convincere Salvini ad accettare il ritorno più umiliante, magari suggerirgli un nuovo governo giallo verde con lui fuori dalla squadra? ".


Tra gli ultimi contatti e il discorso di Conte al Senato questo pomeriggio, c'è una serata intermedia. Notte in cui si fondono idealmente pizze e calzoni freddi, sogni, lacrime e preghiere, come nella canzone di Antonello Venditti. Dario Franceschini e Vincenzo Spadafora, che una volta servivano come "avversari" nella stessa parte (uno popolare e l'altro rutelliano, la festa era Margherita) e oggi si trattano come "amici" e provano ad avvicinarsi a due mondi diversi, conoscono più volte L'ex ministro del Partito Democratico e il segretariato di Palazzo Chigi, oggi più vicino a Conte di Luigi Di Maio, chiariscono il terreno delle insidie ​​dell'ultima ora.

Il più importante è in realtà Di Maios ruolo. Il leader politico dell'M5S fatica a raccontarsi nel corso degli eventi e, naturalmente, gli fu chiesto di registrare la fine dell '"amicizia" con Salvini; Il discorso di n alla riunione del gruppo – "Non apriremo o chiuderemo nessuno" – ha reso tutti sospettosi. E se convincesse Salvini a dimettersi, in cambio di un nuovo contratto con il campionato? All'interno del movimento, il Vice Primo Ministro è ora occupato dall'altra parte della barricata da Davide Casaleggio e Beppe Grillo. Fonti ai massimi livelli di M5S affermano che quest'ultimo, al vertice di ieri a casa, lo ha incontrato con una faccia cattiva. "Ah, Luigi, sei tu quello che vuole andare al sondaggio, capisco giusto? Forse non ti è chiaro che se vai al sondaggio oggi, domani, in sei mesi o in sei anni, il movimento è morto. E morì anche perché non potevi guidarlo. "Parole come pietre, che corrispondevano a un sondaggio riservato che stabilisce il punteggio per M5S tra il 7 e l'8 percento quando si tratta di elezioni anticipate.

Quando la fatwa di Grillo chiuse i giochi. Oggi, in un passaggio così delicato, tuttavia, il movimento chiede al Partito Democratico una strategia di uscita per i suoi leader politici. "Ci hanno chiesto di accettare che Di Maio è il ministro degli interni del nuovo governo", sussurra un novantuno Partito Democratico che ha ricevuto Di Maio invece di Salvini, insomma, come premio per entrare nella nuova fase.

Il puzzle è composto e composto più volte. La parte più semplice sarà quella perché la chiave verrà toccata, e quasi, la nuova maggioranza dovrebbe decollare. Tutto dipenderà dal discorso che Conte terrà oggi al Senato. Casaleggio e Grillo stanno spingendo sui ponti da demolire con Salvini e la lega. Alle 11 di domani mattina, assicurano a M5S di essere riusciti a mettersi in contatto con gli inquilini di Palazzo Chigi, sia il fondatore della Rousseau Association che il garante, fan accaniti dell'accordo con PD. Dalla storia fatta di ciò che è nelle note di Conte, "non tanto il discorso di una premiere che è partito". Quanto, dicono diverse fonti, "un vero procedimento giudiziario il cui unico obiettivo" è il traditore "Salvini". Nessun'altra indicazione è fornita durante il giorno.

Ma poi sarà stata la notte . E ci sarà un martedì mattina, dove tutto può accadere e il contrario. Il premier sa di avere alcune carte da giocare anche se la maggioranza cambia personaggio, dato che una parte del Partito Democratico non gli è ostile. "Non aspettarti tempi brevi" predicano cautela tra i democratici. È possibile che in caso di caduta del governo, il primo giro di esplorazione inizierà dal tandem Lega-M5S. Ma per un rilancio del patto con i salviniani, il grillini del Senato ortodosso è già di Nicola Morra pronto a bloccare il suo cammino.

19 agosto 2019 (modificato il 20 agosto 2019 | 00:18)

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI


Source link