Home / Intrattenimento / Katia Follesa ha aggiunto: "Ora il mio cuore ha un motore di Formula 1"

Katia Follesa ha aggiunto: "Ora il mio cuore ha un motore di Formula 1"



L'attrice e commedia Katia Follesa ha regalato ai suoi fan Instagram un altro buongiorno. La foto che ha scelto di pubblicare non proviene dal letto ma dall'ospedale: sorride sempre ma ha gli elettrodi sul petto. Questo è il commento per la foto: "Il mio naso è la vera preoccupazione e digiuno in due giorniiiiiiii …… Grazie mille a San Donato Hospital Group come un eccellente ufficio di ricerca che mi tiene nel lago e mi fa vivere la mia vita Attraverso la ricerca, ho imparato molte cose, soprattutto, a prendermi cura di me stesso, in particolare del mio cuore, che a volte richiede il deterioramento, grazie al dottore di San Valentino, la cardiologa Serenella Castelvecchio, al dottor Leorenzo Menicanti, il cardiochirurgo più affascinante del mondo e Il professor Carlo Pappone, un apparecchio di aritmologia che ha preparato il mio cuore con un motore di Formula 1

!!! Il tempo di mangiare qualcosa e salire! Onorato di rappresentare il San Donato Hospital Group ".

  Katia Follesa e il suo compagno Angelo Pisani
Katia Follesa e il compagno Angelo Pisani

Patologia congenita

L'attrice ha rappresentato il gruppo ospedaliero in diversi anni fa, ha rivelato che soffre di cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva congenita, e l'ha scoperto un pomeriggio nel 2006, quando la sua vista si è improvvisamente sbiadita e non ha più sentito il suo cuore: "Pensavo che sarei morto – ha detto -. La cosa buona che ho fatto, dopo che pensavo di morire, era quella di andare all'ospedale immediatamente quel pomeriggio. All'inizio mi hanno detto che non avevo niente. Il cardiologo era in realtà quasi irritato. Ma ho deciso di andare più a fondo e mi ha mostrato che avevo questa patologia, la stessa di mio padre. Da lì ha iniziato una terapia "che devo continuare per tutta la vita: il messaggio che quando si tratta del cuore è bene non sottovalutare e visitare sempre un anno, forse due" L'ospedale di San Donato è una garanzia Quando parliamo di queste patologie è presto diagnosi necessaria ". 19 giugno 2019 (modificato il 25 giugno 2019 | 08:27)

© REPRODUCTION RISERVATO


Source link