Home / Sport / Juve, sensazionale 3-3 contro il Sassuolo. Uguale Lazio a Udine

Juve, sensazionale 3-3 contro il Sassuolo. Uguale Lazio a Udine



Lui aveva ragione Spesso, Lo scudetto non è scontato e c’è ancora da combattere. dove Juve pareggia 3-3 contro Sassuolo al termine di una sfida più che audace: le bianconerie sfruttano il doppio vantaggio con Danilo e Higuain, poi subiscono il ritorno di De Zerbi con Djuricic, Berardi e Caputo e al 64 ‘trovano la battaglia finale con Alex Sandro. La buona notizia arriva da Udine: la Lazio Inzaghi è riuscito a prendere un singolo punto (risultato 0-0) e rimane a -8 in attesa della prossima collisione diretta. L’Atalanta in attesa dell’Inter è ora solo al secondo posto. dove Roma (2-1

contro il Verona) vola a +4 su Napoli e Milano mentre Fiorentina celebra una vittoria d’oro con 3-1 a Lecce.

Posizione serie A.

Sassuolo-Juve 3-3: punti e statistiche

Chiellini e Higuain da 1 ‘. Juve, showstart

Tante novità negli undici di Sarri: Dybala fuori e Higuain titolare, Chiellini da 1 ‘e Matuidi da sinistra all’interno invece di Rabiot. La scelta dà ragione all’allenatore della Juventus perché la partenza della Juventus è praticamente perfetta. Al 5 ‘il piatto vincente di Danilo all’angolo di Pjanic porta il secondo assist del bosniaco all’1-0, al 12 ‘- questa volta un lancio straordinario da 40 metri – dà a Pipita il tiro con 2-0.

Szczesny miracolosamente, poi Djuricic

La reazione di Sassoloo è evidente in diverse occasioni (da Caputo a Muldur e Berardi), il miracolo di un super Szczesny allenta il ritorno al gioco De Zerbi che si materializza poco prima di mezz’ora quando Djuricic mette la palla all’intersezione sulla punta cadente Caputo. La pressione nei bianconeri – nel mezzo del possibile Eurogol di Ronaldo da destra – è spiegata anche dalle condizioni non perfette per De Ligt e Chiellini: entrambi chiedono il cambiamento ma cercano di lavarsi i denti. Alla fine della prima metà un’altra bruciatura di CR7 salvato in un angolo da Chiriches.

Giro sensazionale Sassuolo!

Il ripristino inizia con la modifica di Rugani al posto di Chiellini e con l’invenzione di Bentancur che porta al calcio piazzato di Berardi: il campo è uno di quelli che non si possono apprendere arriva 2-2 al 51 ‘. Il blackout della Juve è totale, per la svolta sensazionale del Sassuolo con Caputo passano solo tre minuti: l’attaccante apre la difesa in bianco e nero e firma il trio in una divisione. Sarri cerca di svegliare la squadra con gli sforzi di Dybala e rabiot per Higuain e Pjanic. Il francese diventa un capo pericoloso, Ronaldo manca il tiro sul bellissimo assistente di Joya.

Alex Sandro l’ha livellato

Gli altri tratti di Sarris sono correlati Douglas Costa: dentro il brasiliano per scuotere i suoi compagni di squadra e l’intero gioco. La disattenzione del down-defence consente ad Alex Sandro di ripristinare la parità (64 ‘) Bentancur calci d’angolo e Juve per rimettere la palla in gioco. Ronaldo si impegna mancia, Dybala ha torto e Bonucci diventa giallo per le proteste direttamente in panchina. La finale di stasera al Mapei Stadium continua molto intensamente: Traore, Boga e Bourabia si allontanano di un passo dal quarto gol che, tuttavia, non raggiunge.

Lazio, solo un pareggio contro l’Udinese

Dopo tre sconfitte di fila, Lazio non riesce a superare le pari reti bianche nella casa dell’Udinese, ma non fa sorridere nessuno. L’Udinese naviga ancora in acque tempestose, ma ancora più di sette in sicurezza. La Lazio, 69 punti, può sorpassare l’Atalanta e scivolare al terzo posto, che rischia anche di prendersi cura dell’Inter. dove Roma prende il controllo di Verona e difende il quinto posto. La squadra di Fonseca è penalizzata dalla trasformazione di Veretout. Juric viene bandito, ma continua a stimolare la squadra dagli spalti, ma non può evitare il romanista raddoppiato nel tempo di chiusura con Dzeko. dove Fiorentina vince chiaramente a Lecce e quasi si salva, lasciando il Salento al terzo posto con 10 punti di distanza. Competere senza storia dall’inizio con il gol di Chiesa, il rigore fallito da Pulgar e gli obiettivi verso la fine del primo tempo di Ghezzal e Cutrone.




Source link