Home / Salute / Joker, la malattia del protagonista è pura fantasia o realtà?

Joker, la malattia del protagonista è pura fantasia o realtà?



Il film che è stato premiato al Festival del cinema di Venezia come miglior film riscuote molto successo sulla scatola. I numeri sono davvero alti e c'è chi parla anche di un possibile Oscar. Joaquin Phoenix Joker è davvero qualcosa di insolito. L'attore è stato davvero ispirato da persone che soffrivano e soffrivano della stessa malattia del suo personaggio. E qui arriva la domanda: qual è la malattia di Joker? È una vera malattia o una pura invenzione dettata dalla necessità di rendere il personaggio piuttosto bizzarro ma allo stesso tempo intenso?

Malattia di Joker, che cos'è la sindrome pseudobulbare

La malattia di Joker ha un nome e sì chiamato sindrome pseudobulbare.

Questa sindrome è una condizione comune in molti disturbi neurologici ed è caratterizzata da urla incontrollate di urla o risate.

Le persone che ne soffrono hanno un danno neurologico o una malattia che colpisce la parte del cervello che è responsabile del controllo delle emozioni.

Pertanto, questa sindrome non influenza il modo di provare le emozioni, ma il loro modo di esprimerle.

E stiamo parlando di risate incontrollabili e pianti, ma anche di difficoltà a masticare e deglutire, nonché al coordinamento del linguaggio.

Quali sono le cause della sindrome pseudobulbare

Come abbiamo già detto sopra, tra le cause iniziali ci sono lesioni o varie malattie neurologiche.

Stiamo parlando di un grave trauma cranico a seguito di una caduta, da un incidente d'auto. Mentre le malattie comprendono ictus, sclerosi laterale amiotrofica (SLA), sclerosi multipla (SM) e patologie neurodegenerative simili alla malattia di Alzheimer e al morbo di Parkinson.

Altre cause possono essere tumori maligni, paralisi sopranucleare progressiva, malattie metaboliche e molto altro.

La sindrome afflitta da Joker portata al cinema può portare alla morte il paziente, oltre a causare spesso un grande imbarazzo e effetti disastrosi sulla qualità della vita. [1

9659004] I malati tendono sempre ad isolarsi e ad essere stigmatizzati, e di conseguenza si verificano ansia e depressione. Sono limitati al massimo fino a quando tutti i tipi di relazioni sociali scompaiono.

Spesso si rivela più con pianto che con risate, ma non deve essere confuso con la depressione.

La sindrome pseudobulbare di Joker può essere curata? Fortunatamente, esistono farmaci antidepressivi come i triciclici (TCA) e gli inibitori selettivi della serotonina (SSRI) che possono ridurre il numero di manifestazioni incontrollabili della sindrome pseudobulbare.

Parliamo di un particolare farmaco, il destrometorfano bromidrato – chinidina solfato (Nuedexta), che ha la capacità di dimezzare il numero di episodi piangenti e risate incontrollate.

Leggi anche:

Sia Singer annuncia: "Ho la sindrome di Ehlers-Danlos & # 39;

Seguici su: Facebook – Twitter – Gnews – Instragram – Pinterest e WhatsApp per il numero +39 35153970 62


Source link