Home / Italia / Governo, sull'autonomia: "Il testo non entra in cdm". M5S richiede la revoca della licenza ad Autostrade

Governo, sull'autonomia: "Il testo non entra in cdm". M5S richiede la revoca della licenza ad Autostrade



Un vertice teso ieri sera a Palazzo Chigi, dopo una giornata di scontri sui tavoli. Con M5S, che rende immediatamente noto che vuole ritirare la concessione ad Austostrade. "Abbiamo sempre detto: chi ha commesso un errore deve pagare e ti assicuro che pagheranno il mio abbraccio alle famiglie delle vittime di Ponte Morandi Lo stato è con te!", Sade Luigi Di Maio che ha lasciato questa dichiarazione a Facebok prima di raggiungere il vertice con il Primo Ministro Giuseppe Conte e il Vice Primo Ministro Matteo Salvini.

Il leader della lega lasciò il tavolo alle 22:00, sostituito da Giancarlo Giorgetti e si trasferì allo studio televisivo di Carta Bianca per un'intervista. Primo Ministro Conte, Vice Primo Ministro Di Maio, Ministri Stefani e Fraccaro Vice Ministro Garavaglia e sottosegretario Buffagni . Ma i negoziati sono in salita, perché il testo di Carroccio ̵

1; "ready for cdm" – non soddisfa la componente M5S del governo. E poi è arrivato il fumo nero: tutto verrà sparato fino alla prossima settimana, quando ci sarà un nuovo vertice. Con le fonti della Lega che attaccano: "All'autonomia, 5 stelle fanno muro e si nascondono dietro i burocrati.Un altro incontro vuoto: bloccano tutte le iniziative". E le fonti M5S rispondono: "L'autonomia è nel contratto e sarà fatta, le riunioni sono usate per condividere le cose, quando due cose sono fatte, due cose sono fatte, quindi nessun blocco".

Sulla strada principale di concessione, la griglia solleva la richiesta di revoca. La proposta è stata presa sostanzialmente dal Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli . Di Maio sta lavorando a una fotografia di guerra. "Oggi viene inaugurata la costruzione del nuovo ponte di Genova, dobbiamo dire la verità: la prima è che i precedenti governi sono sempre stati fottuti dalla sicurezza", scrive Di Maio su Facebook. Il vice primo ministro lancia un duro attacco ai concessionari autostradali: "Per anni i concessionari autostradali hanno infatti arricchito il loro portafoglio, aumentato il canone, spesso senza garantire un'adeguata manutenzione.Grazie agli sforzi del Ministro Toninelli, realizzeremo un'autentica rivoluzione che ci consente anche da gennaio al prossimo anno di avere anche prezzi ridotti e guadagni di efficienza superiori al 20 percento. "

Di Maio spiega che" le tariffe saranno collegate al reale investimento che i rivenditori faranno e alla qualità della gestione, che significa che se non fai gli sforzi corretti, sei fuori. Inoltre, i costi di gestione del manager saranno ben monitorati. "Tutto questo – conclude – oltre a risparmiare molto, saremo in grado di garantire ancora più sicurezza alle persone sulle autostrade". 19659005]




rep



Approfondimento

Alitalia, le offerte non arrivano il governo ha dovuto posticipare

Tuttavia, la domanda è complicata dal fatto che Atlantia è stata ripetutamente sviluppata come possibile partner nell'operazione di salvataggio di Alitalia. Un'ipotesi supportata dalla lega, forte anche nel fatto che negli ultimi giorni ha visto i grillini non meno imbattibili. Un'impressione che ora ha a che fare con Di Maio. Iter accelerato per l'autonomia contro le concessioni autostradali, il nuovo scontro in sintesi Lega-M5S

Allo stesso tempo, la partita del Commissario europeo italiano torna a essere complicata. Giancarlo Giorgetti ha dichiarato: "Non mi interessa essere un Commissario europeo, ho parlato in francese a Losanna perché metà degli attuali rappresentanti parlava quella lingua, ma per me aveva senso. Ma cosa ci importa sul commissario "europeo, era necessario vincere alla candidatura olimpica".


L'analisi approfondita giornaliera è disponibile presso Rep: redattori, analisi, interviste e rapporti
La scelta dei migliori articoli Repubblica da leggere e ascoltare.

  Rep Ulteriori informazioni La tua scelta

Support Journalism!
Iscriviti a Repubblica

<! –

Non siamo parte, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma siamo grazie ai lettori che ci comprano ogni mattina nei chioschi di giornali, guardano il nostro sito web o si iscrivono a Rep:.
Se sei interessato a continuare ad ascoltare un altro orologio, forse imperfetto e alcuni giorni fastidiosi, continua a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Supporta il giornalismo
Iscriviti a Repubblica

->

<! –

->


Source link