Home / Economia / Fisco sta già riscaldando i motori: esplosione di lettere in arrivo

Fisco sta già riscaldando i motori: esplosione di lettere in arrivo



Fisco riscalda i motori. Data l'austerità che arriverà contro il fronte anti-evasione con il Budget Act, le entrate hanno già inviato 700.000 lettere per la conformità con la demolizione delle cartelle. In realtà, sono messaggi in risposta a tutti i contribuenti che hanno presentato una domanda di "saldo e ammenda". Le lettere saranno inviate anche a tutti gli "arrivi in ​​ritardo" che si sono uniti a "rottami". Questi sono tutti i contribuenti che non hanno presentato domanda entro il 30 aprile e che poi lo presentano il 31 luglio 2019. Le lettere indicheranno l'importo da pagare e tutti i metodi di pagamento. In effetti, tutte le comunicazioni saranno consegnate entro il 31

ottobre. Per questo tipo di indennità, il pagamento è pianificato nella misura in cui varia dal 16 al 35% dell'importo dovuto, già scontato con sanzioni e interessi. Invece, la "demolizione" prevede solo sanzioni e tassi di interesse standard.

La comunicazione, va sottolineato, sarà di due tipi. Il primo riguarda la cancellazione degli addebiti in risposta alle dichiarazioni presentate per il pareggio e la rimozione, il secondo in risposta alle domande di connessione alla "demolizione" nella fase di riapertura. La busta inviata dalle autorità fiscali conterrà anche le fatture per i pagamenti degli importi dovuti. La data di scadenza per il primo pagamento è fissata dalla legge il 30 novembre 2019, che sabato scade a lunedì 2 dicembre. Se il piano di estensione contiene più di 10 rate, il messaggio di ottobre da ottobre 19459004 conterrà le prime 10 proposte di pagamento mentre le restanti verranno inviate successivamente, prima della scadenza dell'undicesima rata. In breve, la demolizione diventa attiva, ma è tempo che migliaia di contribuenti mettano i loro portafogli per pagare i loro debiti con le autorità fiscali. Tutto in attesa dell'avvio del prossimo team di budget, che si baserà su strategie contro l'evitamento e controlli ravvicinati.


Source link