Home / Italia / Elisabetta Trenta, la casa dell'ex ministro a suo marito. Di Maio: "Lascialo adesso"

Elisabetta Trenta, la casa dell'ex ministro a suo marito. Di Maio: "Lascialo adesso"



  La casa di servizio dell'ex ministro Trenta a suo marito, scoppia una tempesta. Di Maio: lasciare l'appartamento

Elisabetta Trenta, ex ministro della Difesa dell'esecutivo Gialloverde, vive ancora nella casa di "servizio" che le era stata assegnata quando era al governo e scoppiò immediatamente una tempesta politica. Tutti, persino la sua festa, Five Stars, le hanno chiesto di lasciare l'appartamento. Ma sostiene il punto e spiega che la casa è stata consegnata a suo marito, un militare, a pieno titolo, in conformità con tutte le regole.

<! –

->

«Penso che l'uomo avrà sicuramente diritto a quella sistemazione. Ma è opportuno che il ministro in questo momento, dopo tre mesi per lasciarlo, lasci la casa. Quindi l'uomo richiederà di essere ospitato
come tutti gli ufficiali dell'esercito che seguono la classifica normale. Questa è la cosa più accurata da fare ", ha commentato il leader a 5 stelle Luigi Di Maio e ha raccontato la storia rivelata dal Corriere della Sera.

Elisabetta Trenta:" L'ho tirato fuori, non me lo merito. Ho combattuto contro Salvini più di altri »

È ovvio che i partiti dell'opposizione di centrodestra sono i più difficili da attaccare. Maurizio Gasparri trae ispirazione da questa storia per definire i "moralisti" di Pentastellar così tanto per chilo di "bugiardi e ipocriti". Un altro esponente blu, Licia Ronzulli, parla anche di "doppia grigliatura morale". "Gridano" onestà "ma pensano solo ad occupare i posti e, apparentemente, gli appartamenti di servizio." accusa il senatore di Forza Italia. "I privilegi sono" per il caso grillini ", è il commento sarcastico di Fratelli d'Italia. Anche il Partito Democratico è infastidito: il leader del gruppo del Senato Andrea Marcucci chiede al ministro di chiarire rapidamente e annunciare una questione urgente.

[19659006] Finalmente la distanza che fa più rumore, quella del suo partito che, con la voce di Stefano Buffagni, le chiede
di lasciare esplicitamente l'appartamento. «Questa mattina ho letto le notizie dell'ex ministro Trenta sul prestigioso edificio assegnato al suo amico, dove vive. Ho anche letto – sottolinea il Vice Ministro dello Sviluppo Economico – la risposta dell'ex Ministro Trenta: formalmente sembra anche inaccettabile, ma non è un 5 stelle! Siamo nati con un'altra missione, essere nei palazzi rischiamo sempre di inquinarci, cambiandoci ed è contro questa "droga" che dobbiamo mantenere alta la nostra attenzione ". «Non sono mai stato più giusto – continua Buffagni – e capisco che durante il mandato possono sorgere requisiti funzionali. Ma se fosse stato uno dei partiti democratici o uno della lega a dare all'uomo una tale casa da mantenere anche dopo il mandato, cosa avremmo detto? ".

Trenta spiega che non ha lasciato l'appartamento perché è stata l'amministrazione stessa a assegnarlo al coniuge che, con" un primato di prim'ordine ", ha il diritto di ottenere" un alloggio allo stesso livello di quello che era stato assegnato. io ». Andare a un altro, precisa Trenta, avrebbe aggiunto ai costi amministrativi, quelli da rimuovere con l'esempio. "Come ministro – spiega – ho chiesto un alloggio di servizio perché era più vicino al posto di lavoro, nonché requisiti di sicurezza e riservatezza adeguati. L'abitazione è stata aperta apertamente nel 2019, seguendo le procedure amministrative appropriate e necessarie, ad eccezione di un ordine di assegnazione formale da parte dell'ufficio competente. Quando ho lasciato l'ufficio Avrei avuto tre mesi per lasciare l'appartamento, secondo il regolamento, una scadenza non ancora scaduta (tre mesi dal nuovo governo, cioè il 5 dicembre 2019). "

" Come è noto, mio ​​marito è un ufficiale nell'esercito italiano – dichiara ancora Trenta – con il massimo dei voti e attualmente ha un posto di prima classe, una posizione per la quale mi è stato assegnato l'incarico di residenza dello stesso livello (non mi era stato effettivamente concesso un alloggio ASIR – la cosiddetta rappresentanza – senza un alloggio ASI di prima classe. Perché mio marito ha richiesto un servizio a casa, per evitare ulteriori gli oneri finanziari per l'amministrazione) di cui sono responsabili le spese variabili, ecc.), sono stati stanziati come precedentemente concessi a me, su richiesta e seguendo la stessa procedura di cui sopra. "Spiegazioni, tuttavia, che non hanno convinto nessuna delle 5 stelle.

Ultimo aggiornamento: 19:41


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Source link