Home / Esteri / È già in corso un nuovo Dpcm, che potrebbe interrompere l’estate

È già in corso un nuovo Dpcm, che potrebbe interrompere l’estate



Mancano due giorni nuovo Dpcm che servirà a rinnovare le misure di sicurezza per il contenimento del coronavirus: data prevista per il 14 luglio. Nel frattempo, coloro che sono in servizio penserebbero di cambiare qualcosa, forse adattando le regole attuali finora qua e là. Il divieto di ingresso in Italia da parte di 13 paesi è incluso in Italia lista nera e regole chiare per evitare incontri. Martedì prossimo spetta al ministro della sanità Roberto Speranza spiegare le misure che il governo intende prendere davanti al Parlamento. Il programma include anche l’estensione dell’emergenza e la legittimazione delle restrizioni alle libertà personali, su richiesta del presidente repubblicano Sergio Mattarella.

Ecco le regole contro il coronavirus

Tutti Maschere in luoghi chiusi non possiamo arrenderci, mentre i guanti possono. Anche se è probabile che questi ultimi peggiorino se utilizzati in modo errato. Esiste ancora l̵

7;obbligo di fornire le informazioni personali in luoghi pubblici che conserveranno le nostre informazioni per 14 giorni. Sarà comunque necessario pulire i luoghi, la presenza del disinfettante per pulire le mani e termo scanner per rilevare la temperatura corporea quando si accede a centri commerciali e uffici. Quando si tratta di discoteche e sale da ballo, ci sarebbe qualcosa di nuovo. L’apertura era prevista per martedì scorso, sembra invece che il governo, almeno in termini di palle al coperto, voglia estendere il divieto alla fine del mese. La speranza lo ha sottolineato “Se le regioni decidono di farlo autonomamente, possono eliminarlo restrizioni ma devono assumersene la responsabilità. “ In breve, a proprio rischio. Francesco Boccia, direttore regionale, ha la stessa idea, secondo la quale spetta alle regioni decidere in base allo sviluppo della curva epidemica del coronavirus.

Le sanzioni sul sale corrono il rischio di fabbriche e locali

Il divieto di raccolta rimane ovunque, sia tra la vita notturna che la spiaggia. Coloro che non rispettano le leggi applicabili, sia in mare che in città, sono pronti a imporre multe. Stabilimenti balneari e club diretti dalle forze dell’ordine. Il primo deve rispettare assente previsto tra ombrelloni, lettini, nuotatori. Altrimenti, inizia la punizione. Idem per club e ristoranti che devono continuare a controllare l’accesso ad aperitivi, pranzi e cene. A questo proposito, potrebbe venire presto una nuova circolare del Ministero degli Interni. Il dibattito è ancora aperto su fiere, eventi e festival. A tale proposito, il parere del comitato scientifico e tecnico dovrebbe essere pubblicato domani, lunedì 11 luglio. Allo stesso tempo, il Ministro della Salute sta pensando di evitare grandi raduni, ma anche di scaricare il barile regioni. Quindi se hanno torto, è solo colpa loro.

Voli vietati per coloro che entrano in Italia da 13 paesi: Armenia, Bahrain, Bangladesh, Kuwait, Oman, Bosnia ed Erzegovina, Macedonia settentrionale e Moldavia, Brasile, Cile, Panama, Perù e Repubblica Dominicana. Sebbene vengano utilizzati voli triangolari. Gli italiani di ritorno da questi stati possono farlo, ma devono mettersi in quarantena. Isolamento di 14 giorni anche per coloro che provengono dagli Stati Uniti.


Source link