Home / Salute / Coronavirus, l’allarme di Ricciardi: “Andiamo su una lametta, rischio seconda ondata”

Coronavirus, l’allarme di Ricciardi: “Andiamo su una lametta, rischio seconda ondata”



Professore, consigliere del ministro della Salute, dice in un’intervista a Repubblica che “l’Italia rischia una seconda ondata già prima dell’autunno”. Preoccupanti, spiega, sono i tanti focolai. Poi ci esorta a rispettare le misure di sicurezza ea riempire i “buchi neri” nel nostro sistema sanitario. E avverte: “Dove le decisioni che deviano dalla scienza sono ancora una volta prese forza epidemica”

“Andiamo su una lama di rasoio”

;. E ancora: “L’Italia rischia una seconda ondata anche prima dell’autunno”. L’allarme contro il coronavirus è lanciato da Walter Ricciardi, docente di igiene all’Università Cattolica di Roma e consigliere del ministro della Salute. L’esperto ha parlato con Repubblica, esorta tutti a rispettare le misure di sicurezza (AGGIORNAMENTI IN DIRETTA – SPECIALE).

Ricciardi: ci sono “buchi neri” da riempire

recesso



Il trend del contagio in Italia: la grafica

Nell’intervista Ricciardi ammette che il nostro Paese è stato bravo ad appiattire la curva dell’infezione. Ma quando parliamo del nostro sistema sanitario, parliamo anche di “buchi neri” che devono essere riempiti per non ricadere in un’emergenza. Tra questi cita “la frammentazione delle scelte da parte delle Regioni, delle ASL e anche dei singoli medici di famiglia”.

“Dove le decisioni che si discostano dalla scienza vengono nuovamente prese con forza epidemica”

Guarda anche



Coronavirus Italia, tutti i nuovi focolai di Covid-19. FOTO

Ciò che preoccupa, dice Ricciardi, sono i tanti focolai in Italia. Il professore invita quindi a seguire le misure di sicurezza. Mantenere la distanza, maschere e lavare a mano. Dove questo non è possibile, le regole devono intervenire, spiega. Poi osserva: “Rispetto ad altri Paesi, l’Italia ha ascoltato la scienza, almeno a livello nazionale”, ma “il virus è indifferente alla politica. Infetta seguendo le sue regole, ei fatti hanno dimostrato che dove si prendono di nuovo decisioni che deviano dalla scienza. forza epidemica. “Questo – conclude Ricciardi – nuoce non solo alla salute ma anche all’economia”.


Source link