Home / Salute / controlli frequenti per i voli dal Congo

controlli frequenti per i voli dal Congo



ebola torna a essere spaventoso e persino Italia prende avviso . A Fiumicino Airport sono previsti severi controlli per i voli provenienti dalla Repubblica Democratica del Congo, un paese colpito da un'epidemia di Ebola. Dopo che l'Organizzazione Mondiale della Sanità lo ha classificato come "Situazione sanitaria internazionale di terzo livello", il Ministero della Salute, attraverso l'U.T. da Roma Fiumicino, l'aeroporto del Lazio chiede di convocare una riunione dell'ENAC con ENAV, agenzie governative, Adr, Alitalia, Aviapartner Aviation Services, AOC, Utenti e Ibar Committee per scoprire la situazione e avviare la macchina con controlli e istruzioni dettagliate su cosa fare in caso di passeggero a rischio del virus Ebola

Tumore, il mistero dei cinque bambini malati nella stessa scuola elementare
Roma, l'allarme terroristico tornerà, il siriano desiderato non è in Italia

& # 39; & # 39; Finora ̵

1; secondo i documenti del Ministero della Salute in possesso di Adnkronos – vengono effettuati controlli sanitari sugli operatori di organizzazioni governative e organizzazioni non governative provenienti dalla Repubblica Democratica del Congo & # 39; I loro ritorni, "programmati", sono sempre indiretti, con permessi di soggiorno, di solito in un paese dell'UE, ma possono anche fornire ulteriori voli UE, per esempio dall'Etiopia ". La procedura di intervento, come il modello già realizzato in la precedente epidemia di Ebola nel 2014, è nell'ordine dei medici di volo che saranno inviati agli organi interessati dopo la riunione, "avere tempi di intervento a bordo dell'aeromobile di 2-3 minuti"

Il documento descrive anche il calendario delle misure prese in mare aeroporto di Fiumicino, aereo e di frontiera (USMAF) dalla notifica se ci sono voli diretti / indiretti (con scalo) dalla Repubblica Democratica del Congo e dal Ruanda "fino all'obbligo di tutte le compagnie aeree con voli in arrivo di avere un numero di Plc a bordo (carta passeggeri per scopi di salute pubblica) uguale al numero di passeggeri e dell'equipaggio a bordo. Un modulo che deve essere compilato nei casi in cui il servizio di sanità pubblica sospetti la presenza di una malattia infettiva, in cui i passeggeri sono invitati a ricevere informazioni utili: dai numeri di volo al posto in cui si è seduti sull'aereo, oltre alle normali informazioni personali. Il documento del Ministro richiede quindi ai gestori e ai gestori dell'aeroporto di tutte le compagnie aeree una sosta a Fiumicino e al personale dello staff per la massima operatività.


<! – Ultimo aggiornamento: Ultimo aggiornamento: -> sabato 20 luglio 2019, 17:18

© REPRODUCTION RISERVATO

Source link