Home / Sport / Buffon a Le Iene: "Sono un'atleta appassionata, rifarei tutto di nuovo". E su Oliver …

Buffon a Le Iene: "Sono un'atleta appassionata, rifarei tutto di nuovo". E su Oliver …



Gianluigi Buffon – Foto originale Getty Images © Il potere di SuperNews

Un paio di giorni dopo la sconfitta europea Gigi Buffon fu intercettato dal giornalista del programma televisivo Le Iene Nicolò De Vitiis su un treno in direzione di Torino. Inizialmente, il capitano di Juventus rifiutò l'intervista di fronte alle telecamere, ma tornò al microfono sulla controversa sanzione di [190451010] Real Madrid dall'ormai noto giudice inglese Oliver: " So molto bene cosa è successo e cosa ho detto. Sono una persona appassionata, sentimenti, rabbia, trovo modi per parlare correttamente o male, ma lo sono, sono Gigi Buffon. Era la mia ultima partita nella mia carriera con la Juventus in Champions League, che mi dava più sentimenti e quello che dicevo era forte, a volte sconosciuto, ma non sono abituato a nascondermi dietro un velo di ipocrisia. Non puoi chiedere a qualcuno che pratica lo sport per intero, in equilibrio, perché tutto ciò che ho detto non esiterebbe a restituirlo, forse con un linguaggio più civilizzato ma il contenuto dovrebbe non essere diverso ".

In breve, Buffon non rimpiange le pesanti accuse contro Oliver, di cui mostra anche una certa forma di compassione: "Era un giudice sfortunato che sicuramente avrà una buona carriera, ma è stato chiamato a guidare competizione dove il risultato sembrava secondario, ma questo non è . Era in una situazione ingannevole e più grande di lui, con la sua giovane età.Questo è il motivo per cui non commetto violenza "

.
Anche l'ex portiere del Parma prende in giro Oliver: " Devo ringraziarlo quando l'ho incontrato per espellermi mi ha fatto segnare un nuovo record: per la prima volta Non ho segnato sul Bernabeu, Ronaldo non mi ha fatto e ho raggiunto la 50 ° gara in Champions League ".

Buffon guarda anche l'intera parte del vetro e ritorna alle impressioni vissute durante il gioco: "Sfortunatamente, non ti rendi conto di cosa sarebbe successo . Prima di essere Juventus, sono italiano: il nostro ritorno dovrebbe sono stato collegato alla altrettanto pazza di Roma, che faccio fortuna e sarà il nostro maestro ".
De Vitiis chiede di spiegare il numero uno della Juventus su cosa intendesse quando ha definito l'arbitro "insensibile": "Non ho mai detto che non era una punizione, ma era certamente una cosa dubbiosa in un concorso A 20 secondi dalla fine, nessun altro giudice dell'esperienza non ha fischiato ". Il giornalista di Hyena invita Buffon a riconquistare l'intera partita: "Nel primo caso di Mandzukic, non mi sono innalzato, ma ho ricordato tutte le cose che abbiamo detto come un gruppo di ipotetiche opportunità magiche di fantasia di ritornare: alle 2 -0, pensavo che ancora di più mentre nella meta di Matuidi pensavo di far parte di un evento epocale . A 92 quello che è successo. "

Ma cosa disse Buffon ad Oliver per essere espulso? Il campione del mondo 2006 suggerisce che non è stato niente di bello: "Probabilmente conosci italiani molto bravi o semplicemente confusi." Poi ho avuto la legittimità di difendere i miei compagni e tutti i fan che ci hanno seguito a Madrid a scapito di colorare la mia immagine, ma non ho rinunciato a una dannazione. Ci sono valori che valgono di più e sono inestimabili e per quello che domani farei lo stesso " In abbraccio con Cristiano Ronaldo Buffon non è sbilanciato: " Aveva la delicatezza di smettila di dirmi qualcosa che non posso riferire ".
Infine, prova il capitano della Vitiis Juventus quando gli viene chiesto se è vero che i giudici sono l'alibi della perdita, rispondi: " Sì , è vero, ea volte sono anche un perdente. "


Source link