Home / Esteri / Brexit, arriva la tassa europea sulla salute

Brexit, arriva la tassa europea sulla salute






Tuttavia, la misura si applica solo ai nuovi arrivati, quelli già nel Regno Unito continueranno a beneficiare di cure mediche gratuite


Finora, i cittadini europei hanno diritto a cure mediche gratuite, mentre i cittadini esterni L'Unione europea deve pagare una tassa di 400 sterline, spiega Corriere della Sera . D'altro canto, dal gennaio 2021

le cose cambieranno: tutto sarà soggetto al pagamento di £ 625 all'anno, circa EUR 720, al tasso di cambio attuale, indipendentemente dall'origine geografica: questo è l'unico modo per ottenere accesso alle cure mediche. [19659004]

Il ministro britannico Michael Gove spiega il motivo di queste elezioni: "Rendere giusto l'accesso all'assistenza sanitaria fa parte di un sistema di immigrazione più equo in generale". "Non è corretto che persone provenienti dalla Bulgaria o dalla Slovenia possano venire qui e abbiano automaticamente diritti che non hanno quelli che provengono dal Bangladesh o da Singapore". Con questo nuovo standard, gli europei perderanno un diritto che era stato loro garantito per molti anni. Tuttavia, la misura si applica solo ai nuovi arrivati ​​ quelli già nel Regno Unito prima che la Brexit continuasse a utilizzare l'assistenza sanitaria gratuitamente.

Il governo britannico sta studiando un inasprimento generale della questione degli arrivi. Dopo la Brexit l'immigrazione sarà controllata in modo più capillare con un sistema di "punti" che privilegerà i lavoratori più qualificati e non sarà possibile trasferirsi nel Regno Unito senza aver già preparato un l'occupazione. "In quanto paese tollerante e inclusivo, il Regno Unito si compiace dei benefici che l'immigrazione può apportare", ha aggiunto il ministro Gove. "Ma l'immigrazione deve essere controllata se deve funzionare in tutti gli interessi".


Source link